Dedalo Minosse “in tour”<br> L’esposizione del Premio <br>in Italia e all’estero

Dedalo Minosse “in tour”
L’esposizione del Premio
in Italia e all’estero

Un’occasione di visibilità gratuita per gli architetti e gli ingegneri italiani

È in fase di lancio l’XI edizione del Premio internazionale Dedalo Minosse alla committenza d’architettura, che si assegnerà nel 2019, come di consueto nel Teatro Olimpico di Vicenza, con la promozione di ALA Assoarchitetti e della Regione del Veneto, con la partecipazione della Fondazione Inarcassa, di Confprofessioni e dell’ANCE.
Contemporaneamente si avvia alla conclusione il tour legato all’esposizione della X edizione (2017) del Premio, all’estero (Buenos Aires, Parigi, Tokyo, Chicago) e in diverse città italiane. Infatti, nel biennio, le opere commissionate dai clienti premiati con i loro architetti sono state presentate, accompagnate da eventi e dibattiti, a Roma nel 2017, presso la Casa dell’Architettura in collaborazione con l’Ordine degli architetti, a Bolzano nel 2018 presso il NOI Techpark Noise con la Provincia autonoma, a Monza e Brianza nel 2017 presso Theatro powered by Schuco, a Milano nel 2018 presso la sede di Confprofessioni, a Bologna nel 2017 presso il Cersaie e nel 2018 presso il SAIE, e a Pisa ancora nel 2018 all’interno della manifestazione “3 Giorni in Ordine”, organizzata dal locale Ordine degli architetti.
Questi eventi, che seguono i molti altri degli anni precedenti e che nell’insieme hanno interessato ormai quasi tutte le regioni (in Campania il Premio è stato addirittura presentato in tutte le province) costituiscono ormai un appuntamento costante e atteso. Si tratta del resto di un’occasione straordinaria, che consente agli architetti e agli ingegneri italiani, di esporre le proprie opere realizzate nell’ultimo quinquennio, in un contesto di altissimo prestigio, a fianco di una selezione dei più importanti architetti nazionali e internazionali e di molti giovani che stanno entrando con elevata qualità, nel mondo della progettazione.
Sono occasioni di scambio e d’arricchimento della cultura del progetto, che ALA e i suoi sostenitori hanno creato per comunicare l’architettura e l’ingegneria civile italiana, in un fecondo confronto con quanto di meglio si produce nel mondo: il frutto della selezione di centinaia di opere presentate da committenti che provengono ormai da oltre sessanta paesi, di tutti i continenti.
Il meccanismo delle esposizioni, assai semplice, è innescato il più delle volte dai committenti o dai progettisti premiati, i quali organizzano un evento nel territorio dove operano, al quale partecipano anche ospiti invitati. Una formula snella ed efficace che fa conoscere al pubblico italiano l’architettura contemporanea e i talenti italiani. Nel 2019 si terranno nuove mostre in Italia e all’estero. Fuori dai confini italiani, il Premio raggiungerà Amsterdam, Amburgo, Il Premio Dedalo Minosse Hanoi e San Francisco.

 


LINK DA VISITARE:
print